GLOSSARIO DELLA TERMINOLOGIA ON GAME

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z

Abele: Figlio di Michele Arcangelo ed Eva, la prima donna. Capostipite della razza degli Immacolati e fondatore della Fazione Empireo in Gehenna. In vita crebbe senza consapevolezza sulle sue radici e dunque come semplice essere umano. Fu ucciso dal fratello maggiore Caino, divenendo così il primo essere umano assassinato della storia della Terra.

Adamo: Primo uomo creato dal Signore, Adamo visse nell'Eden all'insegna dell'accidia e dell'ignavia, sprofondato in una pace entropica e priva di volontà d'azione. Si mosse solo spinto da Eva, sua compagna, per infrangere la probizione del Signore ed essere causa prima della cacciata dell'umanità dal Giardino. Parimenti, sulla Terra, Adamo visse una vita placida e senza un gran peso sul destino della sua famiglia e della sua stirpe; alla sua morte, la sua anima fu condotta all'Inferno davanti a Lucifero, e qui ricevette la sua punizione: venne incarnato in un agnello, costretto a sperimentare la vita tanto rifuggita nella sua forma più faticosa e pericolosa. Adamo fu il primo Mannaro della storia della Terra.

Anima Grande: Sono le Anime di tutte quelle creature non-umane che abitano sulla Terra: queste Anime sono destinate, al momento della morte, ad arrivare in Gehenna all'interno della Chiesa di Maria Maddalena, appena fuori le mura della città. Le loro forme sono sempre identiche a quelle dei corpi che abitavano in vita. Nel Purgatorio queste Anime Grandi sono destinate a fare l'esperienza di un fac-simile della vita terrena con i suoi molteplici aspetti, così da poter essere giudicate in base alle loro scelte, e giungere così al verdetto finale che le porterà ad ascendere al Paradiso o discendere all'Inferno.

Arcadia: Nome di una delle quattro fazioni di Gehenna, nonché del quartiere sul quale essa ha la più grande influenza: nella Gerusalemme della Terra, questo quartiere corrisponde grossolanamente ai confini del Quartiere Armeno. La fazione segue gli ideali di Adamo ed Eva, suoi fondatori: Gehenna è la seconda occasione d'esistenza per tutte quelle Anime Grandi ricolme di rimpianti, o impossibilitate a vivere a pieno la loro vera natura sulla Terra. Una casa da proteggere da qualsiasi lotta e pericolo. Ha sede in quella che sulla Terra viene chiamata Cittadella di Davide.

Caduta: Quando si utilizza il termine Caduta con la "c" maiuscola, si fa riferimento all'abbandono da parte di Lucifero e altri Angeli del Paradiso.

Caino: Figlio di Lucifero ed Eva, la prima donna. Capostipite della razza degli Inferi e fondatore della Fazione Giudecca in Gehenna. In vita crebbe senza consapevolezza sulle sue radici e dunque come semplice essere umano; agricoltore, uccise il fratello minore Abele a causa della preferenza che Dio mostrò per il dono offerto dal fratello. Primo omicida della storia, fu marchiato dal Creatore e condannato a non morire nonostante le sevizie che ogni uomo gli avrebbe inflitto. La sua punizione terminò al suo quattrocentesimo anno d'età.

Cittadella: Anche conosciuta come Cittadella di Davide; fa parte del Quartiere di Arcadia, ed è la sede dell'omonima fazione. Situata accanto alla Porta di Jaffa, la Cittadella è circondata alle spalle dalle mura di Gehenna e protetta da altrettante mura che la dividono dal resto della città. Esiste una sola porta, quasi sempre aperta, attraverso la quale è possibile accedere al suo interno. La Torre di Davide, posta nella zona est del terreno, è uno degli edifici più alti di tutta Gehenna.

Creazione: Quando si utilizza il termine Creazione con la "c" maiuscola, ci si riferisce al momento in cui il Signore creò la Terra e le sue creature; tra alcune Anime Grandi, questo termine potrebbe anche indicare il momento in cui Michele Arcangelo plasmò le forme di Gehenna e della Selva Oscura nel Purgatorio.

Eden: Un luogo di pace e perfezione, creato dal Signore unicamente per Adamo ed Eva. Viene chiamato anche il Giardino, e si trova nel punto di congiunzione tra Paradiso e Purgatorio. Qui gli spiriti degli animali della Terra non possiedono nessun istinto selvaggio e le piante sono sempre in fioritura, il tempo è mite e fresco. Una vera rappresentazione del Paradiso. Nessuno, dopo Adamo ed Eva, ha mai più avuto accesso alle porte dell'Eden.

Empireo: Nome di una delle quattro fazioni di Gehenna, nonché del quartiere sul quale essa ha la più grande influenza: nella Gerusalemme della Terra, questo quartiere corrisponde grossolanamente ai confini del Quartiere Ebraico e del Santuario. La fazione segue la volontà e il desiderio di Michele - ovvero, quello di lottare contro le forze infernali e fare in modo di condurre le Anime Grandi verso la grazia e il Paradiso. Ha sede in quella che, sulla Terra, viene chiamata Cupola della Roccia.

Essenza: L'Essenza è l'energia che permette a ciò che davvero di unico c'è all'interno di ogni individuo - ovvero all'Anima - di manifestarsi come corpo fisico all'interno del Purgatorio. Essa costituisce dunque il corpo di un'Anima Grande, il guscio di colori e sensazioni che viene messo a sua disposizione quando essa approda a Gehenna.

Eva: Prima donna creata dal Signore. Visse nell'Eden all'insegna d'una smodata curiosità e d'una fame corrosiva di sapere. Lucifero la scelse pertanto come prima pedina del suo piano: spinse Eva a richiedere ad Adamo di cogliere per lei una delle mele proibite dall'Albero del Sapere, e constatare così con i suoi occhi a cosa fosse mai dovuto quel divieto assoluto. Cacciata dal Giardino insieme ad Adamo, visse sulla terra una vita intensa e colma di disgrazie che non riuscì a smorzare il suo spirito. Alla sua morte, la sua anima fu condotta all'Inferno davanti a Lucifero, e qui ricevette la sua punizione: sarebbe esistita per un lunghissimo periodo di tempo come forma vegetale sulla Terra, offrendo se stessa alle altre forme di vita senza poter mai dire nulla o sottrarsi ai loro bisogni. Eva fu la prima Kodama della storia della Terra.

Fazioni: Le fazioni sono un raggruppamento di Anime Grandi che agiscono secondo uno scopo comune, capitanate da coloro che portano ai ranghi più bassi queste idee per le quali lottare. Molte fazioni si sono susseguite nella storia di Gehenna: quelle che oggi resistono sono Arcadia, Fengari, Giudecca ed Empireo.

Fengari: Nome di una delle quattro fazioni di Gehenna, nonché del quartiere sul quale essa ha la più grande influenza: nella Gerusalemme della Terra, questo quartiere corrisponde grossolanamente ai confini del Quartiere Musulmano. La fazione segue gli insegnamenti di Olimpiade, sua fondatrice, che portò a Gehenna i principi della divinità alla quale era votata: Dioniso, principio del Caos, con la sua assenza di morale ed etica, con la sua totale libertà d'agire seguendo i propri istinti più selvatici. Ha sede in quelli che, sulla Terra, vengono chiamati Minheret Hakotel.

Forma Comune: Viene così definita la forma dell'Essenza utilizzata dalle Anime Grandi sulla Terra per mescolarsi agli esseri umani - per questo, può venire anche chiamata Forma Umana. All'interno di Gehenna sono pochissime le Anime Grandi che non la utilizzano.

Gehenna: Città creata dall'Arcangelo Michele ad immagine e somiglianza di Gerusalemme sulla Terra. Il suo sviluppo architettonico e tecnologico segue pari passo quello di Gerusalemme, come se ne fosse lo specchio. Circondata da alte e spesse mura, possedeva un tempo un gran numero di porte dalle quali accedere: tutte, meno la Porta di Jaffa, furono murate da Arcadia per questioni di sicurezza. Gehenna è sommariamente divisa in quattro quartieri, suddivisi a seconda della fazione che ha su di essi più influenza; sono presenti pochissime strade sufficientemente ampie - il che ha reso impossibile la costruzione di auto nelle sulle quali circolare. Gli unici mezzi di trasporto a motore sono le motociclette.

Gerusalemme: Città specchio di Gehenna. Definita anche la (città) Santa o anche la Città Eterna, si trova all'interno dello stato di Israele. Città santa per due delle principali religioni monoteiste, l'Ebraismo e il Cristianesimo; è la terza città sacra, dopo La Mecca e Medina, per l'Islam.

Giudecca: Nome di una delle quattro fazioni di Gehenna, nonché del quartiere sul quale essa ha la più grande influenza: nella Gerusalemme della Terra, questo quartiere corrisponde grossolanamente ai confini del Quartiere Cristiano. La Giudecca segue la volontà e il desiderio di Lucifero - quello di purgare le Anime Grandi e condurle all'Inferno, così da mantenere puro il Paradiso. Ha sede in quello che, sulla Terra, viene chiamato Sacro Sepolcro.

Iblis: Gemello di Zobah, uno dei primi Djinni creati a mezza via tra l'inconsistenza spirituale degli Angeli e la materialità degli animali della Terra. Maggiore tra i due gemelli e di natura immortale, Iblis vive tutt'oggi sulla Terra ed è considerato il Re di tutta la stirpe Djinn. Durante il periodo in cui Iblis e Zobah camminaro sulla Terra come legittimi eredi, essi crearono un gran numero di mostri che, in seguito, avrebbero riempito le storie tradizionali e l'immaginario di tutta l'umanità. Nessuna Anima Grande è a conoscenza del luogo in cui si trova e, di fatto, non appartiene a nessuna delle tre grandi tribù Djinni. Presumibilmente Zobah è insieme ad Iblis, com'era in principio e come probabilmente sarà per sempre.

Inferno: Creatosi nel momento in cui Lucifero cadde e il fuoco sacro delle sue ali si disperse, l'Inferno è la parte più bassa del regno dei morti, oltre la linea del Purgatorio; in esso non può giungere la luce del Paradiso, nè tantomeno spandersi la voce di Dio o quella degli Angeli. Le Anime Grandi che vi sono state - ovvero quelle di Mannari e Kodama - lo descrivono come una grande fossa, scavata in una distesa di terra nera e bruciata; al suo interno, infinite gallerie sotterranee ricolme di fuoco e cenere volteggiante. Una realtà senza cielo nè luce, ricolma delle grida disperate di chi non ha più alcuna occasione di tornare a respirare l'aria fresca. Man mano che ci si avvicina al fondo, il calore diminuisce fino a svanire, lasciando spazio ad un freddo terribile. Qui, su un rozzo trono di roccia congelata, regna Lucifero.

Lucifero: Prima creatura plasmata dal Signore, Lucifero era un simulacro di perfezione, potere e grandezza. Lucifero, Stella del Mattino, è stato al fianco del Signore per un incalcolabile quantità di tempo: a quanto affermano i Diavoli dell'Inferno, dal momento in cui la tenebra dell'Universo venne spezzata dalla luce delle stelle appena nate. Il più fedele ed innamorato degli Angeli, fu deluso dal Signore quando questi, alla creazione del primo uomo e della prima donna, affermò che ci si doveva inchinare davanti alla razza che più gli assomigliava - la stessa razza che avrebbe ereditato la Terra. Lucifero cadde dal Paradiso per fare in modo che solo coloro che avessero davvero meritato il Cielo e la benedizione della compagnia del Padre potessero accedervi. Divenne dunque il Tetro Sovrano dell'Inferno, dimensione creatasi dal disperdimento del fuoco sacro delle sue sei ali. E' padre di Caino, primo degli Inferi e secondo la sua volontà si muove la Giudecca.

Michele: Secondo figlio del Signore, nonché fratello minore di Lucifero. Michele è l'incarnazione della giustizia del Padre, inequivocabile e definitiva. Detentore della Lancia Divina, l'Arcangelo Michele è colui che porta la punizione del Paradiso su tutti coloro che la meritano. Venerato sulla Terra come colui che scaccia e sconfigge il male, è impiegato nella costante lotta contro l'Inferno insieme alle sue legioni di angeli. Possiede sei ali ed un'aura fiammeggiante che lo avvolge. Plasmò le forme di Gehenna ed è padre di Abele, primo Immacolato, e Giovanna d'Arco.

Morte: Più precisamente, la 'morte' all'interno del Purgatorio - causata da scontri o mostri feroci della Selva Oscura. La "morte" dell'Essenza delle Anime Grandi è il banale disperdimento delle particelle che, unite tra loro, danno forma e sostanza all'aspetto delle Anime Grandi. Non più trattenute dall'essenza, queste si disgregano: un momento che, per tutte le stirpi meno i Dhampiri, dura 3 giorni - durante i quali l'Anima Grande vaga in uno stato di incoscienza. Alla fine di questo periodo, le particelle vanno a convergere là dove la morte è avvenuta per ricongiungersi, dando vita nuovamente alla figura dell'Anima Grande.

Mostri: Se ne possono trovare un gran numero all'interno delle storie nelle svariate tradizioni popolari della Terra. In realtà questi "mostri" dagli aspetti bizzarri e le attitudini più violente esistevano davvero nei tempi in cui l'umanità era ancora giovane ed ignara di molte cose: creati da Iblis e Zobah, i primi due Djinni, si estinsero lentamente con il passare dei secoli e l'ingrandimento della civiltà umana. Queste creature risiedono oggi nella Selva Oscura, impossibilitate ad essere giudicate poiché mancanti della consapevolezza necessaria delle proprie azioni - oltre che sprovviste di Libero Arbitrio.

Olimpiade: Principessa dell'antico regno d'Epiro, Sirena Samodiva tra i mortali e madre del Titano Campione Alessandro Magno. Attraverso le sue abilità ammaliatrici, per anni Olimpiade rigirò tra le proprie dita uomini potenti che fecero guerre nel suo nome; sostenne sempre l'adorato figlio finché questi non trovò la morte, lontano dalle sue braccia protettive. Quando morì, la sua anima viaggiò fino a Gehenna, all'interno del Purgatorio; qui, vedendosi offerta una seconda occasione di acquisire potere e divulgare il credo e i dettami di Dioniso, ristabilì il suo culto - trovando un gran numero di proseliti tra le Anime Grandi, fondò la fazione di Fengari.

Paradiso: Parte più alta del regno dei morti, dove la luce delle stelle converge creando un luogo di purissima luce, in cui ogni angolo del Cosmo si riflette. Nessuna Anima Grande l'ha mai veduto, e solo gli Immacolati riescono a percepirne l'energia inebriante al momento della morte. Qui risiede il Signore, identificato dai popoli della Terra con differenti nomi: che sia Dio, Allah, JHWH, Aton, Geova, Elohim - gli Angeli lo chiamano Padre, Creatore e Altissimo. C'è chi sostiene che il Paradiso sia stata la prima cosa ad essersi creata quando l'Universo naque, il primo Cielo nel quale le stelle hanno disperso il loro chiarore. Viene rappresentato come un reame di nuvole, ma nell'effettivo non c'è nessuno che possa dire come appaia il Paradiso.

Pozione della Vita: La più miracolosa delle pozioni create da Heqet, antichissima Strega egizia. Questa pozione è in grado di congiungere ed estrarre energia dalle Anime Grandi quando queste giacciono insieme: questa concentrazione di Essenza va a formare una solida sfera di luce all'interno della quale, in sette giorni, prende forma un Dhampir neonato.

Proibizione: Quando si utilizza la parola Proibizione con la "p" maiuscola, ci si riferisce al divieto che il Signore impose ad Adamo ed Eva, depositari del Libero Arbitrio, quando furono insediati nell'Eden. La Proibizione diceva che i due esseri umani avrebbero potuto cogliere per il loro sostenamento qualsiasi cosa all'interno del Giardino, tranne le mele rosse dell'Albero della Conoscenza. La Proibizione era stata imposta a seguito del disastro occorso con Iblis e Zobah, anche loro dotati di Libero Arbitrio, ma di nessuna restrizione.

Purgatorio: Trattasi di una delle tre dimensioni che costituiscono il regno dei morti. Il Purgatorio divide il Paradiso e l'Inferno: prima che l'Arcangelo Michele compisse il miracolo, non aveva una forma definita e si presentava come un luogo distorto e grigio, abitato da anime prive di coscienza di sè stesse. A seguito dell'imposizione del potere divino, il Purgatorio è stato plasmato sottoforma di fitta ed infinita foresta sempreverde - la Selva Oscura. Nel suo centro, sorge Gehenna.

Rivelazione: Immacolati ed Inferi, durante la loro vita sulla Terra, sono inconsapevoli delle loro origini e della natura della loro Anima: una volta deceduti, il loro spirito viene raggiunto dai loro genitori angelici o diabolici e, durante questo incontro, viene rivelata loro non solo la loro vera natura, ma anche la missione spettante ai discendendi di Paradiso e Inferno. Per leggere la Rivelazione nella sua interezza, visionare la scheda di razza degli Immacolati/Inferi seguendo il seguente percorso. Guida -> Razze -> Immacolati/Inferi -> La Morte, il Genitore angelico/diabolico e la Rivelazione.

Selva Oscura: Nome dato all'infinita foresta che compone il Purgatorio: al suo interno, vivono tutti gli spiriti delle creature guidate unicamente dall'istinto e dai primari bisogni. Circonda completamente Gehenna ed è composta da alberi sempreverdi, oltre che sprovvista di sentieri effettivamente delineati. Gli esploratori di Gehenna hanno tracciato un'immaginaria area di dieci chilometri, oltre al quale è ancor più pericoloso spingersi per via delle enormi creature feroci che vi risiedono.

Signore: Conosciuto sulla Terra con differenti nomi - quali Dio, Allah, JHWH, Elohim, etc - il Signore è un'entità antica quanto l'Universo, la quale si dice essere stata la prima forma di consapevolezza e coscienza quando il Cosmo fu rischiarato dalle stelle. Nessuno sa se il Signore abbia un'aspetto visibile o tangibile, ma è cosa sicura che questa creatura esiste ed è alla base della Creazione. Padre degli Angeli e quindi anche dei Diavoli, Creatore di tutte le specie conosciute, umane o meno che siano. Il Paradiso è indicato come sua residenza.

Stamina: La Stamina costituisce il potere di un'Anima Grande: più un'Anima Grande diventa forte, più Stamina avrrà a sua disposizione per utilizzare i propri singolari poteri. Una volta che la Stamina si esaurisce, l'Anima Grande sarà ridotta esattamente come una "normale" anima umana, incapace di atti sovrannaturali. E' possibile recuperare Stamina attraverso riposo e particolari pozioni.

Tetro Sovrano: Soprannome che fu dato a Lucifero dagli Angeli che lo seguirono durante la Caduta e divennero con lui i Diavoli dell'Inferno. Gli Adepti della Giudecca lo usano come trattamento spettante alla Stella del Mattino.

Zobah: Gemello di Iblis, uno dei primi Djinni creati a mezza via tra l'inconsistenza spirituale degli Angeli e la materialità degli animali della Terra. Minore tra i due gemelli e di natura immortale, vive tutt'oggi sulla Terra ed è considerato la guardia personale di Iblis, unica creatura verso la quale nutre amore e fedeltà. Durante il periodo in cui Iblis e Zobah camminaro sulla Terra come legittimi eredi, essi crearono un gran numero di mostri che, in seguito, avrebbero riempito le storie tradizionali e l'immaginario di tutta l'umanità. Nessuna Anima Grande è a conoscenza del luogo in cui si trova e, di fatto, non appartiene a nessuna delle tre grandi tribù Djinni. Presumibilmente Zobah è insieme ad Iblis, com'era in principio e come probabilmente sarà per sempre.